top of page
  • Immagine del redattoreDott.ssa Antonella Ciotta

DAI UN CALCIO ALLO STRESS!!!

Aggiornamento: 17 mar 2022

L’IMPORTANZA DELLO SPORT A LIVELLO PSICOLOGICO

BENEFICI E INDICAZIONI SULLE ATTIVITA’ DA SVOLGERE A CASA

E’ ormai da tempo risaputo che svolgere regolarmente attività fisica sia un ottimo contributo alla nostra salute.

Secondo le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’ideale sarebbe di dedicare 15-20 minuti al giorno allo sport, oppure mezz’ora per tre giorni alla settimana.

In quest’articolo vi spiegherò come l’attività fisica abbia un ruolo potenziale nel prevenire e alleviare diversi disturbi di natura psicologica.

Spesso erroneamente siamo portati a pensare che corpo e mente siano separati; al contrario, entrambi sono strettamente collegati e lavorano insieme per lo stesso obiettivo: il nostro benessere psicofisico.

Indipendentemente dall’età o dalle condizioni fisiche, praticare dello sport è essenziale per la nostra salute, infatti comporta innumerevoli benefici sia a livello fisico, che psicologico.

Come dice un antico detto “mens sana in corpore sano”.

Di seguito vi spiegherò l’utilità dell’attività fisica nel gestire e risolvere molti dei problemi emotivi che ci attanagliano.

I BENEFICI PSICOLOGICI DELLO SPORT

AUMENTA L’AUTOSTIMA

Prendersi cura del proprio corpo, o superare i limiti della resistenza fisica durante gli allenamenti, comporta un aumento della percezione positiva di sé stessi.

Finito un allenamento, spesso si prova una sensazione paragonabile al successo, proprio in conseguenza al fatto di aver aumentato l’opinione positiva di sé; contestualmente, abbiamo anche migliorato il nostro aspetto fisico, e ciò ci rende ancora più attraenti, aumentando sempre di più la nostra autostima.

Praticare uno sport ci pone nella condizione di misurare i nostri limiti e potenzialità, soprattutto quando lo si svolge con costanza, ottenendo ogni giorno nuovi risultati e traguardi. Tutto ciò mantiene alta la nostra motivazione e il senso di autoefficacia personale: la percezione di essere padroni dei propri obiettivi e di essere in possesso di strumenti efficaci per raggiungerli.

MIGLIORA L’UMORE

Svolgere attività fisica allevia e previene lo stato depressivo, grazie a una migliore circolazione del sangue nel cervello che attiva quella che viene definita la “chimica della felicità”, cioè la produzione di endorfine.

Le endorfine sono sostanze chimiche che agiscono da neurotrasmettitori riducendo il dolore fisico, quasi come degli antidepressivi naturali, donando una sensazione di benessere, euforia e felicità. Per questo motivo lo sport è indicato per chi presenta sintomi depressivi o semplicemente è giù di morale.

COMBATTE STRESS E ANSIA

L’attività fisica diminuisce la tensione muscolare, dunque riduce i livelli di stress, consentendo di scaricare le tensioni emotive. Inoltre, essendo un’attività distraente (proprio perché concentrati nella performance), si allentano gli stati d’allerta e di ansia. Un po’ come nelle attività di meditazione, dove concentrandoci sul respiro o sulla ripetizione di un mantra, liberiamo la mente dai pensieri.

Da un punto di vista fisiologico, l’attività fisica contribuisce al riassorbimento del cortisolo, l’ormone dello stress, che in caso di sensazioni di paura, ansia e angoscia viene rilevato in forte aumento. Con l’esercizio fisico, l’organismo assimila il cortisolo riducendo lo stato di stress.

MIGLIORA IL NOSTRO RIPOSO

Dopo un bel allenamento, oltre al fatto di essere fisicamente stanchi, a livello psicologico scarichiamo tossine e pensieri negativi; ciò ci permetterà di riposare meglio, in quanto otterremo un sonno non disturbato e regolare.

CONTRASTA IL DETERIORAMENTO COGNITIVO

A livello cerebrale, l’esercizio fisico se svolto con regolarità, aumenta la quantità di alcune sostanze chimiche nel cervello che vanno a contrastare la degenerazione dei neuroni dell’ippocampo; quindi, l’attività fisica, nonostante la non più giovane età, permette al cervello di funzionare regolarmente. Prove scientifiche dimostrano come in età avanzata uno stile di vita sedentario aumenti la vulnerabilità verso malattie degenerative quali l’Alzheimer.

TIENE SOTTO CONTROLLO LE DIPENDENZE

Se desideri smettere di fumare, l’attività fisica è un ottimo aiuto.

Praticando uno sport è più facile liberasi dalle dipendenze, poiché si va a facilitare il processo di disintossicazione; infatti, l’allenamento migliora la prestazione polmonare, aumenta il controllo del comportamento e favorisce abitudini salutari. Tutto ciò aiuta a ridurre i sintomi dell’astinenza.

RISCHI DELLA SEDENTARIETA’ DURANTE LA QUARANTENA

COME AFFRONTARE LA QUARANTENA CON UNA CORRETTA ATTIVITA’ FISICA

La pandemia del corona virus (COVID-19) e lo stato di quarantena in cui siamo costretti a vivere in questi giorni, ha reso difficile il mantenimento di uno stile di vita attivo da un punto di vista fisiologico. Chiuse le palestre, i centri fitness, i parchi cittadini, impossibilitati anche nella semplice pedalata in bici o corsetta se non a pochi metri dalle proprie abitazioni, ci ritroviamo a svolgere uno stile di vita sedentario.

In questo contesto, non dobbiamo sottovalutare come per la nostra salute sia essenziale mantenere una buona forma fisica, a maggior ragione in questi giorni in cui stiamo vivendo una situazione molto pesante, sia da un punto di vista esistenziale, che psicologico, una situazione inaspettata, dove ci vediamo costretti a rinunciare alle nostre libertà per poter salvaguardare la nostra salute e quella di chi ci circonda.

Svolgere attività fisica è di fondamentale importanza soprattutto per quelle fasce di età comprese tra i 40 e i 65 anni, in cui uno stile di vita troppo sedentario può essere la causa di alcune problematiche riguardanti la salute, come dolori articolari, mal di schiena, o nei casi peggiori disabilità permanenti.

La tipologia di esercizio e la frequenza degli allenamenti cambiano a seconda del soggetto, relativamente alla sua condizione fisica iniziale e agli obiettivi che si sono stabiliti.

Nota bene: prima di iniziare un allenamento è importante fare del riscaldamento muscolare, che consiste in appositi esercizi di mobilità articolare che permetteranno all’apparato muscolo-scheletrico e all’apparato cardio-polmonare di affrontare efficacemente l’allenamento; alla fine, si dovranno svolgere esercizi di stretching, come attività di allungamento, di respirazione e di rilassamento, così da distendere e rilassare i muscoli, evitando fastidiosi dolori nei giorni successivi lo sforzo fisico.

CONSIGLI UTILI

Entro le nostre mura domestiche è possibile allenarsi in svariati modi.

Riguardo questo punto, il Ministero della Salute ha fornito alcuni consigli utili su quali attività sportive si possono svolgere:

· Ginnastica a corpo libero

· Salto della corda

· Corsa sul posto

· Addominali

· Flessioni sulle braccia

· Squat

· Yoga e Pilates

· Ballare

· Stretching

· Allenamento con lo step (o con gli scalini di casa)

· Allenamento con l’ausilio di oggetti (sedia, bottigliette di plastica, muro)

· Allenamento con l’ausilio di macchinari (cyclette, panca, attrezzi, ecc.)

E’ importante scegliere quelle attività sportive per le quali siamo più predisposti, in quanto l’obiettivo primo e finale è quello di raggiungere un piacere benefico, evitando di mettere a rischio la nostra salute.

Dopo un medio o lungo periodo in cui non abbiamo praticato alcuna attività fisica, sarebbe bene evitare di iniziare con allenamenti troppo lunghi e stancanti; dobbiamo fare in modo che il nostro corpo si abitui pian piano a determinati movimenti e sforzi muscolari, così da non risentirne le conseguenze.

E’ fondamentale progettare una tabella di lavoro di tipo incrementale, così da aumentare la frequenza e la pesantezza degli esercizi, giorno dopo giorno, lasciando al corpo il tempo di abituarsi: oggi facciamo dieci, domani undici.

Infine, per quanto riguarda le fonti tramite cui accedere a determinati allenamenti, oggi fortunatamente la tecnologia ci fa dono di diverse possibilità: siti web, video su Youtube e applicazioni che possiamo scaricare sui nostri tablet e smartphone.

Detto ciò… VI AUGURO UN BUON LAVORO!


Dott.ssa Antonella Ciotta


54 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Post: Blog2_Post
bottom of page